Cos’è un certificato energetico?

Il certificato energetico è un documento che mostra il rendimento energetico dell’edificio che ha il contenuto e il layout dei regolamenti sulla certificazione energetica degli edifici (Gazzetta nazionale 36/10) ed è rilasciato da una persona autorizzata.

La certificazione energetica degli edifici è un insieme di azioni e procedure che sono condotte ai fini del rilascio del certificato energetico.

L’audit energetico dell’edificio è una procedura documentata che viene eseguita al fine di determinare il rendimento energetico dell’edificio e il grado di adempimento di queste proprietà in relazione al valore di riferimento e ha proposto misure per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici che sono economicamente giustificati ed effettuato da una persona autorizzata.

I valori nel certificato energetico riflettono il rendimento energetico dell’edificio e il consumo energetico calcolato in base a un ipotetico regime di utilizzo dell’edificio e non riflettono necessariamente il consumo reale dell’edificio in quanto include il comportamento dell’utente.

Il certificato energetico è uno strumento di marketing per promuovere l’efficienza energetica e la costruzione a basso consumo energetico. La certificazione energetica degli edifici è possibile per confrontare il fabbisogno energetico degli edifici, incoraggiare gli investimenti in concetti e tecnologie nuove e innovative, l’uso di sistemi di approvvigionamento energetico alternativi negli edifici e contribuisce alla riduzione generale del consumo energetico e della protezione ambientale. Il certificato energetico è concepito come una prestazione energetica universale di un edificio in base al quale gli oggetti possono essere classificati e confrontati.

Obbligo di certificazione

Tutti gli edifici per i quali è richiesta la conferma del progetto principale o per un permesso di costruzione dopo il 31 marzo 2010. devono avere un certificato energetico.

L’investitore di un nuovo edificio deve fornire un certificato energetico dell’edificio prima di eseguire l’ispezione tecnica e allegarlo alla domanda di rilascio di un permesso di utilizzo.

Qualsiasi proprietà in affitto o in vendita dovrà avere un certificato energetico.

Gli edifici esistenti, o le proprietà che sono in vendita, in affitto o in leasing, devono avere un certificato energetico disponibile per l’acquirente o l’inquilino al più tardi entro la data di adesione della Croazia all’UE.

Perché la procedura?

Obbligo della certificazione energetica degli edifici derivante dalla direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sul rendimento energetico nell’edilizia (EPBD) del 16.12. 2002. è stato formato sotto l’influenza del Protocollo di Kyoto (secondo il quale gli stati membri erano obbligati a ridurre le emissioni di biossido di carbonio dell’8% entro il 2010.).

EPBD – Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sul rendimento energetico degli edifici, lo strumento giuridico più importante nel campo dell’efficienza energetica degli edifici realizzato il 16.12. 2002. Il suo scopo è quello di promuovere il miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici utilizzando misure economicamente efficaci e la necessità di raggiungere i requisiti del Protocollo di Kyoto e la sicurezza dell’approvvigionamento energetico. La presente direttiva impone agli Stati membri di:

– L’applicazione dei requisiti minimi per l’efficienza energetica nei nuovi edifici
– L’applicazione dei requisiti minimi sull’efficienza energetica degli edifici di grandi dimensioni esistenti (superficie utile superiore a 1000 m2) in caso di ristrutturazione importante
– Implementare la certificazione energetica degli edifici
– Effettuare ispezioni regolari di caldaie e sistemi di condizionamento dell’aria
– Garantire un numero sufficiente di persone qualificate e / o autorizzate per effettuare ispezioni regolari delle caldaie e degli impianti di condizionamento dell’aria e la certificazione degli edifici
– Effettuare regolari attività promozionali volte ad informare e sensibilizzare sull’efficienza energetica degli edifici.

Il termine per il trasferimento della presente direttiva negli Stati membri è scaduto il 04.01. 2006. A causa delle difficoltà nel soddisfare i requisiti per garantire un numero sufficiente di esperti qualificati e / o autorizzati a condurre la certificazione energetica degli edifici e l’ispezione delle caldaie per i sistemi di riscaldamento e condizionamento, gli Stati membri possono utilizzare un periodo prolungato di tre anni (fino a gennaio 2009) per il pieno trasferimento della presente direttiva.

Classificazione energetica

L’energia degli edifici è un indicatore delle prestazioni energetiche dell’edificio che è l’edificio esprime l’energia termica annuale per il riscaldamento dei dati climatici ridotti all’unità di superficie utile dell’edificio Ak, e per gli edifici non residenziali sopra i relativi valore del consumo annuo di energia per il riscaldamento.
Le valutazioni energetiche sono designate da A + a G, il meglio al peggio. Tutti i servizi necessari per creare un certificato energetico sono classificati nella classe energetica.

Come i frigoriferi e gli elettrodomestici, in base al livello di consumo energetico, appartamenti, case ed edifici saranno condivisi su un livello di strutture A + magro ed economico, meno efficiente sarà la classe A, inferiore B, C, D, E, F, e quelli najrastrošnije e totalmente antieconomici avranno un livello di consumo di energia G. Il principio di funzionamento è in realtà molto simile all’acquisto di elettrodomestici. Poiché i produttori di dispositivi elettronici sono tenuti a fornire una specifica completa del consumo energetico dei singoli dispositivi domestici, devono essere messi a disposizione dell’acquirente anche i proprietari di case, appartamenti, edifici e l’edificio consuma classe energetica a cui appartiene .

Fonte: energetski-certifikat.info

error: